slider-home-page2

ZONA SANTAMBROGIO DESIGN DISTRICT

Zona Santambrogio, recente distretto culturale della Milano Design Week 2017, alla sua quinta edizione, promuove le esposizioni e gli eventi del quartiere tra Piazza Sant’Ambrogio e il Parco Sempione.

In particolare presenta:

INHABITS Design Village, la prima edizione dell’evento dedicato ai moduli abitativi, al Parco Sempione.

DOUTDESign, la collettiva di giovani designer under 35, in via San Vittore 49.

EAT URBAN Street Food Festival, il ristorante openair di Zona Santambrogio.

Un calendario di eventi dedicati al design e all’intrattenimento per tutta la settimana del Fuorisalone.

Scopri la mappa di Zona Santambrogio 2017:

Zona Santambrogio è uno dei distretti più giovani del panorama del Fuorisalone e presenta il suo programma di mostre ed eventi promuovendoli attraverso il sito e la mappa cartacea, disponibile durante la settimana, e raccontando giorno per giorno la programmazione degli eventi e delle esposizioni del Fuorisalone 2017.

Zona 2016

Zona Santambrogio Milan Design Week è una delle zone della città più rilevante dal punto di vista storico, artistico e culturale: la Basilica di Sant’Amborgio, il Museo della Scienza e della tecnica, la Fondazione Achille Castiglioni, la Fondazione Franco Albini, sono solo alcune delle eccellenze presenti nella zona.

Zona Santambrogio Design District fa parte del circuito milanese di Fuorisalone.it che unisce tutti gli eventi milanesi durante il periodo della Milano Design Week, con il patrocinio del Comune di Milano.

Scopri il distretto.

dsc_0294-e1478799455789

HEADQUARTER – DOUTDESign, Via San Vittore 49

L’HEADQUARTER di Zona Santambrogio si trova all’interno di un incantevole ex convento di inizio ‘900, nel cuore di Milano, situato nei pressi di Piazza Sant’ambrogio. All’esterno si apre un grande giardino popolato da alberi imponenti. Uno spazio unico nel cuore di Milano, dalla storia antica e dal giardino “segreto” raramente aperto al pubblico. Il convento infatti si apre al pubblico poche volte all’anno, e l’appuntamento più atteso dal pubblico è proprio per il Fuorisalone. Per una settimana questo luogo esclusivo si trasforma nel quartier generale del distretto, ospitando nei sui spazi interni l’esposizione DOUTDESign, nel 2017 alla sua 5a edizione. Designer emergenti da tutto il mondo selezionati attraverso una call aperta ed internazionale dedicata ai prodotti innovativi e sostenibili. Visita la pagina.

achille-castiglioni

STUDIO MUSEO ACHILLE CASTIGLIONI, Piazza Castello 27

Scopo della Fondazione Achille Castiglioni è quello di valorizzare, tutelare e rendere pubblico tutto il materiale che costituisce la concreta testimonianza dell’attività culturale, artistica, professionale ed umana di Achille Castiglioni. La Fondazione si occupa inoltre di attività di ricerca, acquisizione, conservazione, comunicazione di documenti e oggetti relativi al lavoro dell’architetto e, in generale, al futuro sviluppo del design. Lo Studio Museo Achille Castiglioni raccoglie oggetti, progetti, schizzi, disegni, prototipi, progetti, foto, manifesti, articoli, libri che aiutano a scoprire l’iter progettuale di Castiglioni. Attualmente lo Studio Castiglioni ospita la mostra “Dimensione domestica” che vuole approfondire i temi dell’abitare dal punto di vista dei fratelli Castiglioni.  Visita il sito.

The firm collects objects, projects, sketches, drawings, prototypes, projects, photos, articles, books that help to discover the design process of Castiglioni: exploiting, protecting and make public the material that constitutes a testimony to its cultural, artistic, professional and human.

albini

FONDAZIONE FRANCO ALBINI, Via Telesio 13

La Fondazione nasce per conservare, tutelare, rendere accessibile e comprensibile al pubblico l’archivio di Franco Albini. Allo stesso tempo ha come finalità il sostegno della ricerca e la promozione di iniziative culturali legate al mondo dell’arte e dell’architettura contemporanea. I progetti firmati Franco Albini contano un totale di circa 22.000 disegni, l’archivio fotografico più di 6.000 foto d’epoca e 2.500 diapositive, oltre a modelli, scritti, lettere, relazioni tecniche, libri e riviste appartenute alla biblioteca di studio, sono il patrimonio da cui partire per divulgare un pezzo della nostra memoria storica. Visita il sito.

Born to conserve, protect, make accessible and understandable to the public the archive of Franco Albini. At the same time has as its purpose the support of research and promotion of cultural activities related to art and contemporary architecture.

 

rossana-orlandi

ROSSANA ORLANDI, Via Matteo Bandello 14/16

Un universo sospeso nel tempo, cuore pulsante di una Milano che si nutre d’arte. Spazio Rossana Orlandi è il luogo di culto di un design che confonde vintage e contemporaneo, in via Matteo Bandello 14, che è diventata una tappa obbligata per tutti gli appassionati di design durante la Design Week. Una fucina di nuovi talenti, una conferma per gli altri, coltivati dalla passione della fondatrice, la designer Rossana Orlandi, che nel 2002 ha trasformato una vecchia fabbrica di cravatte della capitale meneghina in una gemma del panorama creativo internazionale. Visita il sito.

A world suspended in time, the heart of a Milan that feeds art. Spazio Rossana Orlandi is the place of worship. Designer cultivated by the passion of the founder, who in 2002 transformed an old factory into a gem of international creative scene.

Actual Spotti, Viale San Michele del Carso 4

Actual Spotti é un nuovo showroom di arredamento situato in Viale S. Michele del Carso, 4 che si estende su uno spazio di 400 metri quadrati all’interno di un elegante palazzo degli anni ’30, completamente rinnovato e ristrutturato su progetto dello Studio Novati in collaborazione con l’architetto Roberto Spotti. L’alternanza di stili e di arredi – allestiti però sempre secondo precisi e studiati equilibri estetici – rende la visita all’interno degli spazi di viale San Michele del Carso una piacevole scoperta, passo dopo passo. Le due soluzioni living di Former, Plinto e Set System, permettono di caratterizzare ulteriormente gli spazi e ben si abbinano alla plasticità essenziale delle pareti rivestite in Lapitec con giochi di luce, finiture e spessori. Visita il sito.

C&C Milano

C & C Milano, Via Zenale 3

C & C Milano presenta una vasta scelta di tessuti e prodotti raffinati ed esclusivi nati per vestire ed arredare interamente la casa, per concretizzare con forme e colori una personalità. C&C Milano punta alla personalizzazione, definendo l’originalità di un design su misura. Il controllo personale su tutta la filiera, nella consolidata tradizione del “Made in Italy”, è infatti prerogativa di qualità C&C Milano. Grazie all’avanguardia delle tecnologie usate nei processi di tessitura e all’elevata qualità delle fibre, i tessuti possono essere realizzati in altezza doppia e in diverse grammature. Visita il sito.

 

triennale

LA TRIENNALE DI MILANO, 

Viale Emilio Alemagna 6

La Triennale di Milano, sorta a Monza nel 1923 come I Biennale delle arti decorative, dal 1933 ha sede a Milano nel Palazzo dell’Arte, progettato da Giovanni Muzio e costruito tra l’autunno del 1931 e la primavera del 1933. Concepito dal progettista come contenitore estremamente flessibile, rappresenta un organismo polifunzionale innovativo per l’epoca in cui fu progettato. La Triennale di Milano è l’istituzione italiana per l’architettura, le arti decorative e visive, il design, la moda e la produzione audiovisiva; è un centro di produzione culturale che organizza convegni, rassegne cinematografiche, esposizione itineranti e mostre. In occasione della XXI Triennale Internazionale, la nuova organizzazione data alla Triennale 2016 vedrà un’attività continua, una produzione culturale quotidiana, con al suo interno un Museo del Design, e tornerà ad essere una sede totale per il design.

Visita il sito.

La Triennale di Milano is situated in Milan, in the Palace of Art, designed by Giovanni Muzio and completed in the spring of 1933. An extremely flexible container, a multifunctional body. La Triennale di Milano is the Italian institution for architecture, decorative and visual arts, design, fashion and audiovisual production; a center of cultural production multifaceted. 

castello-sforzesco

IL CASTELLO SFORZESCO

Piazza Castello

Il Castello Sforzesco, uno dei più importanti monumenti di Milano, ha avuto, nel corso della sua storia, lunghe vicende costruttive, brutali demolizioni, ricostruzioni, abbellimenti e restauri, divenendo un simbolo dei momenti storici, felici e drammatici, della città. Il grande Castello, insieme al Duomo é il monumento oggi più caro ai Milanesi, è stato protagonista di dolorose vicende, divenendo un odioso simbolo del potere esercitato dai Signori di Milano o dai dominatori stranieri. Solamente nel Novecento ha assunto l’aspetto rassicurante di un luogo di cultura, destinato a custodire le testimonianze dell’arte lombarda. Il suo nome riporta al XV secolo, all’epoca di Francesco Sforza, che lo volle ricostruire a partire dal 1450, ma l’origine del Castello è più antica: sorse infatti per volere di Galeazzo II Visconti nella seconda metà del Trecento. Visita il sito.

One of the main symbols of Milan and its history. Built in the XV century by Francesco Sforza, on the remains of a fort dating back to the XIV century, known as Castrum Doors Jovis, between the sixteenth and seventeenth centuries become a major military citadels in Europe; restored by Luca Beltrami in historicist style between 1891 and 1905, is now home to major cultural institutions and tourist destination, being one of the largest castles in Europe.

s-maria-delle-grazie

SANTA MARIA DELLE GRAZIE e CENACOLO

Piazza di Santa Maria delle Grazie

La Chiesa di Santa Maria delle Grazie, situata nel cuore di Milano, è un’ imponente opera architettonica, emblema della religiosità cattolica, ed è legata in modo indissolubile all’affresco di Leonardo da Vinci, il Cenacolo, conservato al suo interno, nel refettorio.
La chiesa è stata inserita nel 1980 nella World Heritage List dell’Unesco perché una delle massime testimonianze dell’arte rinascimentale, avvalorata dalla presenza dell’eccezionale opera del Da Vinci, eccelso rappresentante del genio creativo umano. Visita il sito.

The Church of Santa Maria delle Grazie, is an imposing architectural work , a symbol of the Catholic religion, and is inextricably linked to the fresco “Ultima Cena” by Leonardo da Vinci, stored inside the refectory. The church was included in 1980 in the World Heritage List.

atellani

CASA DEGLI ATELLANI e VIGNA DI LEONARDO

Corso Magenta, 65

Il palazzo risale all’epoca di Ludovico il Moro, in cui il signore di Milano concesse numerosi permessi di edificazione a cortigiani e collaboratori, desideroso di fare dell’asse viario dell’antico borgo di porta Vercellina un prestigioso contorno dell’appena edificata chiesa di Santa Maria delle Grazie. Il duca nel 1490 dai Landi, lo donò alla famiglia degli Atellani. Dopo molti passaggi di proprietà nei secoli, giunse in mano alla famiglia Conti che nel 1922 fece restaurare il palazzo dall’architetto Piero Portaluppi, che ne modificò pesantemente l’aspetto, ma che per contro riscoprì parte degli affreschi originali. Il giardino ospita la rinata Vigna di Leonardo da Vinci.

The building dates back to Ludovico il Moro, who granted numerous building permits to courtiers and employees, to create a prestigious area near the newly built church of Santa Maria delle Grazie. The duke of Landi, in 1490, donated it to the family of Atellani. In 1922 the family Conti restored the building with the architect Piero Portaluppi, who rediscovered part of the original frescoes. The garden is home to the reborn Vigna of Leonardo da Vinci.

fondazione-stelline

FONDAZIONE STELLINE

Corso Magenta, 61

La Fondazione Stelline è una storica istituzione milanese fortemente radicata nel cuore della città. I valori di attualità e modernità si fondono con i valori storici e architettonici, rendendo la sede delle Stelline un luogo di cultura e progettualità. La Fondazione è stata costituita nel 1986 dalla Regione Lombardia e dal Comune di Milano per tutelare e valorizzare lo storico Palazzo delle Stelline e incoraggiare lo sviluppo culturale, sociale ed economico della Lombardia e di Milano, in un’ottica internazionale. Negli ultimi anni la proposta culturale ed artistica della Fondazione si è ampliata e maggiormente definita, con una speciale attenzione per la promozione dell’arte contemporanea e dei suoi vivaci protagonisti. Visita il sito.

Stelline Foundation is a historic Milanese institution where values of current and modernity blend with the historical and architectural values , making it a place of culture and design. Was established in 1986 to protect and enhance the historic building and encourage cultural development, social and economic development of Lombardy and Milan, in an international perspective.

museo-archeologico

MUSEO ARCHEOLOGICO

Corso Magenta, 15

Il Museo Archeologico è collocato in un contesto architettonico straordinario, l’ex-convento del Monastero Maggiore di San Maurizio, fondato nell’VIII secolo d.C., dove la storia di Milano antica mostra ancora visibili le sue tracce. Nel periodo imperiale l’area era occupata da un edificio residenziale del I secolo d.C., dalle mura e dal grande circo romano, adiacente al palazzo imperiale. Le collezioni sono esposte in diverse sale a seconda della cultura di appartenenza. Visita il sito.

The Archaeological Museum is located in an extraordinary architectural context, the ex-convent of San Maurizio Maggiore Monastery, founded in the VIII century AD, where the history of the ancient Milan still see his tracks. In the imperial period, the area was occupied by a residential building of the first century AD, by the walls and the great Roman circus. The collections are displayed in different rooms depending of the culture.

san-maurizio

SAN MAURIZIO AL MONASTERO MAGGIORE

Corso Magenta, 15

La Chiesa S. Maurizio al Monastero Maggiore è una magnifica Chiesa rinascimentale e presenta una facciata a tre piani divisi da lesene; internamente è completamente affrescata da alcuni tra i più importanti artisti del ‘500 lombardo, tra cui Bernardino Luini, il figlio Aurelio, Paolo Lomazzo ed altri artisti anonimi. All’esterno si puo’ ammirare il Chiostro del Monastero e nel giardino le due torri romaniche quadrangolari  inserite nelle antiche mura di Massimiano.

S. Maurizio al Monastero Maggiore is a magnificent renaissance church and has a three-storey facade divided by pilasters; the inside is completely painted by some of the most important artists of the ‘ 500 Lombard, including Bernardino Luini. Outside you can ‘see the cloister of the Monastery and the two Romanesque towers placed in the ancient walls of Maximian.

cadorna

PIAZZALE CADORNA

Il progetto di rifacimento firmato Gae Aulenti, ha coinvolto il riassetto esterno, comprendente la riqualificazione della facciata dell’immobile originale della stazione, l’organizzazione del piazzale pedonale e la sistemazione del sistema stradale. Ago, filo e nodo: ideata dai coniugi svedesi Claes Oldenburg e Coosje van Bruggen, l’opera fu inaugurata nel 2000 in occasione della ricostruzione della stazione ferroviaria omonima e dell’attigua piazza. Non è casuale la scelta del luogo dove collocare la scultura, infatti la piazza è considerata uno snodo cruciale per il trasporto metropolitano e ferroviario della linea Nord della città. Legata alla realizzazione della scultura vi è una duplice simbologia: i tre colori (rosso, verde e giallo) rappresentano le tre linee metropolitane milanesi, l’ago e il filo sono un omaggio alla laboriosità milanese e al mondo della moda.

The design for the square is signed by Gae Aulenti, while “needle , thread and knot” was designed by the Swedish couple Claes Oldenburg and Coosje van Bruggen, and inaugurated in 2000. Tied to the creation of the sculpture there is a dual symbolism: the three colors (red, green and yellow) represent the three Milanese underground lines, the needle and thread are a tribute to the hard work of Milan and the world of fashion.

basilica-s-ambrogio

BASILICA DI S. AMBROGIO

Piazza Sant’Ambrogio, 15

La basilica di Sant’Ambrogio, il cui nome completo è “Basilica Romana Minore Collegiata Abbaziale Prepositurale di Sant’Ambrogio”, è un vero e proprio monumento di arte romanica ed è una delle più antiche chiese di Milano in Piazza Sant’Ambrogio. Essa rappresenta ad oggi non solo un monumento dell’epoca paleocristiana e medioevale, ma anche un punto fondamentale della storia milanese e della chiesa ambrosiana. Essa è tradizionalmente considerata la seconda chiesa per importanza della città di Milano. Cuore di storia e spiritualità, scrigno d’arte sacra, la Basilica di Sant’Ambrogio rappresenta insieme al Duomo il fulcro della vita spirituale di Milano. Visita il sito.

A true monument of Romanesque art and one of the oldest churches in Milan, the second most important. Not only a monument from the early Christian and medieval, but also a key point in the history of Milan and the Ambrosian church. Heart of history and spirituality and a treasure trove of religious art.

museo-scienza-tecnica-leonardo-da-vinci

MUSEO DELLA SCIENZA E TECNOLOGIA, LEONARDO DA VINCI

Via San Vittore, 21

Il più grande museo della scienza e della tecnologia in Italia, uno dei più importanti in Europa e nel mondo: nuovi linguaggi per raccontare nuove storie e coinvolgere nuovi pubblici attraverso la più grande collezione al mondo di modelli di macchine realizzati a partire da disegni di Leonardo da Vinci. Il patrimonio è costituito dalle collezioni (15mila beni tecnico-scientifici e artistici), dall’archivio (cartaceo e fotografico) e dalla biblioteca (50mila volumi e riviste) che testimoniano la storia della scienza, della tecnologia e dell’industria dall’Ottocento ai giorni nostri, con particolare riferimento all’Italia. Visita il sito.

The biggest museum of science and technology in Italy, one of the largest in Europe and in the world: new languages to tell new stories and engage new audiences, through the largest collection in the world of machine models made from Leonardo’s drawings da Vinci. The assets consist of collections, archives and a library, which tells the history of science, technology and industry since nineteenth century to the present day, with particular reference to Italy.

san-vittore-al-corpo

MAUSOLEO SAN VITTORE AL CORPO

Via San Vittore, 25

Lungo l’attuale via San Vittore, antico asse stradale sul quale prospettava fin dal I secolo d.C. una vasta necropoli, venne eretto, in epoca tardo-antica, un imponente recinto a forma di ottagono schiacciato, con torri semicircolari agli angoli. Tale struttura include nel suo perimetro una preesistente area cimiteriale, in prevalenza cristiana, e un sontuoso mausoleo imperiale ottagonale, continuando a ospitare tombe cristiane e divenendo un luogo di sepoltura privilegiato. Trasformato in cappella di San Giorgio nel IX-X secolo e annesso a San Vittore al Corpo, il mausoleo fu abbattuto negli ultimi decenni del XVI secolo, in occasione del rifacimento della chiesa. Le indagini archeologiche hanno riportato alla luce la struttura fortificata, un quarto del mausoleo e una novantina di tombe a inumazione, a sarcofago e coperte alla cappuccina o da lastroni di pietra, nella maggior parte cristiane.

An impressive fence octagon shaped crushed, with semi-circular towers at the corners. This structure includes within its scope an existing cemetery area, and a sumptuous octagonal imperial mausoleum. The archaeological investigations have brought to light the fortified structure, a quarter of the mausoleum and ninety burial tombs , sarcophagi and blankets to the Capuchin or slabs of stone, in most cases Christian.

 

 

 

E.E.Ercolessi, Corso Magenta 25

E.E.Ercolessi, un marchio nato a Milano nel 1921, che in questa città, è un costante simbolo di professionalità, tradizione e servizio. Il primo negozio fu aperto in via Torino 48 da Edgardo Ercolessi con la moglie Elvira. Nel 1938, E.E. Ercolessi, aprì un’altra sede al numero 24 di Corso Vittorio Emanuele, all’epoca la via commerciale più ricercata di Milano. Nel 1992 volle offrire agli amanti delle penne un nuovo punto di incontro in Corso Magenta 25, dove la tradizione continua con la nipote Paola Anna Maggi ed il personale altamente qualificato, preparato per “aggiustare” penne nuove ed antiche, per consigliare, per rispondere a domande e richieste di clienti e collezionisti sempre più sofisticati che con la famiglia Ercolessi hanno imparato ad amare la scrittura in tutte le sue forme. Un oggetto molto personale associato a tanti momenti quotidiani, ma anche a eventi che cambiano l’intero corso di una vita. Visita il sito.

Kitchen,Via Edmondo de Amicis, 45

Kitchen è uno spazio per chi vive, pratica e gusta la cucina. L’ambiente ideale per chi è alla continua ricerca di oggetti, libri e per il cake design. Un negozio interattivo in cui design cibo e corsi di cucina convergono in un unico spazio. Kitchen propone utensili pratici e di design per esercitare e affinare i palati. Ma la sua offerta non si limita solo a questo. Kitchen infatti offre anche uno spazio interno dedicato a corsi di cucina che offrono un panorama culinario ricco e vario, attento alla stagionalità dei piatti e alle tendenze del momento: dalle specialità regionali a quelle internazionali, dalla cucina tradizionale a quella fusion, finger food, sushi.  Visita il sito.

If Bags, Corso di Porta Ticinese 46

Il brand IF Bags nasce da un’idea di Isabella de Felice (industrial designer), Francesca Mesiano (scenografa), Claudia Legnani (imprenditrice), a Milano nel 2010. Si tratta di uno zaino in ecopelle pensato, assemblato e cucito a mano in Italia, disponibile in 21 colori e chiuso con un pezzo di legno fresato. Lo shop If Bags é situato in Corso Ticinese 46, da sempre punto di riferimento dello shopping alternativo di Milano e incubatore naturale urbano delle migliori firme emergenti.  Visita il sito.

 

Bar Magenta, via Carducci 13.

Il Bar Magenta è il bar più antico e, probabilmente, il più conosciuto della città. È situato all’incrocio fra corso Magenta e via Carducci, da 107 anni. Il Bar Magenta è conosciuto da tutti i milanesi D.O.C ed è anche visitato da tutti i turisti di Milano per dare riconoscimento ad un’icona della città. Con i suoi 100 anni di storia, il Bar Magenta, ne ha viste davvero di ogni e potrebbe essere davvero un narratore perfetto e disincantato della storia di Milano. I muri e l’arredamento déco hanno assorbito gli umori (ed un tempo anche i fumi) di culture e sub-culture, di tutte le persone che hanno gravitato attorno al bancone circolare con inserti di peltro e d’argento. Colazione,caffè o aperitivo che sia,visita obbligata in Zona Santambrogio al Bar Magenta, tra un evento e l’altro del Fuorisalone

Senza titolo-1

Le biciclette, Via Torti 2.

Art Bar e Bistrot Le Biciclette nel corso dei suoi quindici anni di vita è diventato il punto di riferimento per una Milano intelligente e recettiva verso tutto ciò che è vicino all’arte contemporanea, al design, alla ristorazione d’avanguardia e alla musica di qualità. Tra i primi a promuovere un tipo di entertainment legato al connubio tra arte, food e beverage il locale ha dato spazio a diversi artisti emergenti con una particolare attenzione verso la pittura, la fotografia, l’arte digitale, il design e la moda.