Metrica – Designer Matilde Arduini, Simone Peracchi, Giulia Tognali

Metrica | Per il comfort acustico e visivo | 2016

Superficie interattiva modulare, Metrica è mutevole, illuminante e fonoassorbente.

Può essere allestita in diversi contesti intervenendo in modo delicato ma percepibile sul comfort acustico e visivo dell’ambiente. Le applicazioni sono molteplici: dal settore dell’ufficio, con i suoi openspaces, al contract per la sua componente funzionale e al contempo decorativa.

 

Modular interactive surface, Metric is changeable, illuminating and sound absorbing.

It can be prepared in different contexts by intervening gently but perceptible on acoustic and visual comfort. The applications are numerous: from the office sector, with its Openspaces, to the contract for its functional component and at the same time decorative.

 

Superficie interactiva modular, Metric es cambiante, se ilumina y es fonoabsorbente.

Se puede preparar en diferentes contextos interviniendo suave pero perceptible en el confort acústico y visual. Las aplicaciones son numerosas: desde el sector de oficinas, con sus Espacios abiertos, hasta el contrato para su componente funcional y a mismo tiempo decorativo.

 

metrica_fb_wall

Matilde Arduini si diploma in Design della comunicazione al Politecnico di Milano con una tesi sui disturbi autistici. È fondatrice del gruppo UR applied design studio, una rete di designers professionisti, e co-fondatrice del collettivo Secondary Action e di RossoCinque, un progetto di promozione sociale ed eventi culturali all’interno dell’ACLI Lambrate. Sta sviluppando un percorso lavorativo indipendente tra design grafico e mondo dell’educazione.

Simone Peracchi si laurea in Design del prodotto industriale al Politecnico di Milano. È co-fondatore dei collettivi Secondary Action e RossoCinque, esperienze di progettazione condivisa nate dal desiderio di creare momenti aggregativi e attività culturali. Attualmente lavora nella rete di professionisti UR applied design studio (di cui è fondatore), in qualità di fotografo e industrial/visual designer, lavorando per aziende, studi di design, associazioni e centri di ricerca.

Giulia Tognali si laurea in Design del prodotto industriale al Politecnico di Milano, dove ora sta frequentando il corso in Design engineering. Lavora come progettista presso un’azienda di illuminotecnica di Milano e fa parte della rete di progettisti UR applied design studio e del gruppo di promozione culturale RossoCinque.

Il progetto sarà esposto in Zona Santambrogio Design District durante il Fuorisalone 2016, all’interno di Next Design Innovation, la mostra dei 21 prototipi interattivi di designer under 35 che esplorano nuove tipologie di prodotto e raccontano un’inedita relazione tra design e nuove tecnologie, promossa da Regione Lombardia e Polifactory, il makerspace del Politecnico di Milano. I prototipi in mostra spaziano dai dispositivi di controllo degli apparecchi tecnici della casa alle lampade e arredi interattivi, dalle tecnologie indossabili agli smart device per la città e la nuova mobilità. Sono ideati da progettisti under 35 provenienti da scuole e università lombarde, selezionati dal bando Next Design Innovation, e da designer selezionati dalla Scuola ELISAVA di Barcellona. L’allestimento è curato da Re.rurban Studio.

Dove: Headquarter Zona Santambrogio Design District, c/o Doutdesign, via San Vittore 49, Milano
Come raggiungerci: M2 (verde) Sant’Ambrogio, M1 (rossa) Conciliazione, tram 10, bus 94
Durata dell’evento: 12-17 Aprile 2016
Orari: 11.00 – 23.00

Ulteriori info: www.nextdesigninnovation.it