img_2940

AKABEI | Giovanni Silvestri – Michele Tunzi – Emanuele Matteucci | DOUTDESign2018 | 17-22 APRILE

Akabei è il risultato dell’attento sfruttamento delle caratteristiche intrinseche del
materiale, in questo caso acciaio. Tutta la struttura deriva dallo studio della tensione e del gioco di forze presenti mentre ci si siede; la forma curvilinea e l’incastro consentono di scaricare tutto il peso sulla base dello sgabello impedendo la deformazione irreversibile della lastra metallica.

Akabei, deve il suo nome ai famosi fantasmini del gioco Pac-man. Ci hanno ispirato per la loro semplicità ma soprattutto per la loro forma così intuitiva, che la seduta riprende e rielabora. Si può creare qualcosa di resistente senza l’utilizzo di collanti, viti, chiodi o rivetti. E’ affascinante riuscire a equilibrare le forze tentando di utilizzare solo il nudo materiale per ottenere qualcosa di stupefacente.

Akabei si è evoluto sia in termini di forma sia in termini di utilità. In un primo momento abbiamo puntato alla realizzazione di uno sgabello tenendo conto di un possibile “secondo uso” dell’oggetto, creando forme anche a volte troppo complesse. Siamo passati da una silohuette sagomata e spigolosa a una più dolce e sinuosa tentando di ridurre al minimo il numero dei pezzi e concentrandoci sulla semplicità.

Per Akabei abbiamo seguito l’idea fondamentale dell’incastro. Abbiamo però cercato di sposare questo modo di creare all’utilizzo dell’incastro non solo come semplice elemento estetico ma come vero e proprio elemento di supporto. In Akabei l’incastro creato rifacendoci a molti esempi già esistenti, consente di creare un gioco di forza e tensione che aiuta a scaricare il peso uniformemente sulla superficie evitando così deformazioni sfruttando anche le caratteristiche tipiche del materiale (resistenza, elasticità,…).

| Giovanni, Michele e Emanuele |

Siamo tre studenti dell’Università Alma Mater Studiorum di Bologna: Giovanni Silvestri, Michele Tunzi e Emanuele Matteucci, al secondo anno di design del prodotto industriale. Siamo tre ragazzi che amano tutto ciò che rientra nel mondo del design e dell’arte in generale, le nuove sfide progettuali ci affascinano molto e siamo sempre pronti ad accettarne di nuove.

————————————-

Zona Santambrogio Design District, distretto ufficiale della Milano Design Week, presenta la sesta edizione di DOUTDESign.
 L’Edizione 2018 di DOUTDESign, che si svolgerà sempre nell’headquarter del distretto, l’ex convento di via San Vittore 49, è un invito rivolto a giovani progettisti under 35 ad interrogarsi sulle potenzialità del design nel mondo della sostenibilità sociale ed ambientale.
DOUTDESign Exhibition ospiterà progetti di giovani designer emergenti e start-up e aziende innovative del settore arredamento, innovazione, sostenibilita, makers, accessori, interni e prodotto. Quest’anno avremo l’onore di ospitare un progetto inedito del maestro Franco Albini. Una settimana di esposizione e ogni sera di performances ed eventi musicali.